Strisce moderne per la maglia del Sassuolo 2021-2022

Nella splendida cornice del maestoso Palazzo Ducale, il Sassuolo ha svelato la nuova maglia 2021-2022 realizzata da Puma.

Le strisce verticali che caratterizzano la maglia del Sasòl sono state disegnate in chiave moderna, di fianco ad ogni riga nera piena ne troviamo un’altra formata da una serie di righine diagonali. Un pattern presente anche sul retro, ma solo nella parte inferiore.

Il colletto è a V, colorato di verde come il bordo delle maniche, quest’ultime sono nere come le spalle. Il completo casalingo, svelato per ultimo dopo le divise away e third, è abbinato a pantaloncini e calzettoni neri.

Per i portieri ecco una maglia bordeaux con la particolare grafica geometrica già vista anche per altri club firmati Puma.

Il giglio alabardato sulle maglie della Fiorentina 2021-2022

A poche ore dal video teaser che aveva già scaldato il cuore dei tifosi, sono state presentate ufficialmente le nuove maglie della Fiorentina 2021-2022 firmate Kappa. Una collezione composta da quattro maglie ispirate alla storia del club viola che fra poche settimane compirà 95 anni.

Prima maglia Fiorentina 2021-2022

La fascia orizzontale bianca e le bordature rosse sono un chiaro richiamo agli anni ’80, precisamente al biennio 1983-1985. Erano gli anni della presidenza Pontello che pochi anni prima modificarono lo stemma societario con il giglio alabardato a forma di “F”, ora tornato in bella vista sul petto.

Sul retro del collo compare la scritta “Fiorentina”, gli sponsor sono tre: Mediacom, Prima Assicurazioni ed Estra. I pantaloncini e i calzettoni sono entrambi viola con dettagli bianchi.

Le maglie NR del 1983-85

Il modello originale a cui si è ispirata Kappa era prodotto dal mitico marchio NR, all’epoca il giglio alabardato era sulla pancia, la banda orizzontale era un filino più stretta e proseguiva anche sulle maniche.

Seconda maglia Fiorentina 2021-2022

In trasferta la tinta principale è il bianco, mentre la banda orizzontale e le finiture sono viola, scompare il rosso. Calzoncini e calzettoni seguono il medesimo schema cromatico.

Terza maglia Fiorentina 2021-2022

Il giallo e il viola, accompagnati dalle righe bianche della fascia orizzontale, decorano la terza maglia disegnata da Kappa per la Fiorentina.

Quarta maglia Fiorentina 2021-2022

Anche la quarta maglia combina tre colori, il rosso di base, il bianco e il viola. La collezione 2021-2022 non prevede divise dedicate ai portieri, i quali indosseranno una delle quattro maglie da gioco.

Macron presenta le nuove maglie della Sampdoria 2021-2022

Dopo aver svelato la terza maglia rossa al termine dello scorso campionato, Macron ha presentato anche le nuove Maglie da calcioSampdoria 2021-2022 da casa e trasferta.

Tradizione, identità e senso di appartenenza ai propri colori sono i principi che il marchio italiano ha voluto racchiudere nella nuova casacca blucerchiata, disegnata con la consueta attenzione ai dettagli.

Prima maglia Sampdoria 2021-2022

Sul classico blu royal spicca la fascia blucerchiata con le strisce di uguale spessore, proprio come nel 2020-2021, con lo scudo della città al centro e il nuovo main Banca Ifis, inizialmente posto sotto di essa e poi spostato in alto. Il colletto è a girocollo e mostra all’interno la consueta scritta “La maglia più bella del mondo”.

Il profilo del Baciccia, il tipico pescatore genovese con barba, berretto e pipa, simbolo del club doriano, è stampato in bianco sul retro del collo.

La divisa casalinga della Sampdoria è completata da pantaloncini bianchi con bordi blu e un inserto blucerchiato sui lati, anche i calzettoni sono bianchi con le sei bande colorate di blu, bianco, rosso, nero, bianco e blu.

La vestibilità è aderente e il tessuto Softlock presenta diversi inserti in micromesh che assicurano una perfetta traspirabilità.

Seconda maglia Sampdoria 2021-2022

La banda blucerchiata si sposta in diagonale sulla maglia da trasferta, interrotta al centro per fare spazio allo scudo con la croce di San Giorgio e al marchio di Banca Ifis. Lo spazio ancora vuoto potrebbe ospitare in futuro un altro sponsor. La fascia decora anche la parte posteriore del colletto, dove ritroviamo anche il Baciccia.

I pantaloncini e i calzettoni del completo away sono entrambi blu e all’occorrenza sono utilizzati anche per la divisa casalinga.

Il Biscione invade la seconda maglia dell’Inter 2021-2022

Dopo dieci lunghi anni di assenza dalle maglie dell’Inter, il Biscione, simbolo della squadra nerazzurra e della città di Milano, fa prepotentemente il suo ritorno sulle divise della Beneamata.

Dopo aver letteralmente stravolto la nuova prima maglia, infatti, il serpente nerazzurro invade anche la maglia away 2021-2022, che però, nonostante la singolare grafica che adorna la casacca, sembra essere più sobria rispetto alla rivoluzionaria maglia home.

La maglia è caratterizzata da un colletto a girocollo blu che sul retro diventa nero. Una combinazione simile appare anche sulle maniche, bordate infatti da una rifinitura nerazzurra.

Ma il vero piatto forte di questa divisa è, appunto, la riproduzione del serpente che si estende sulla manica sinistra e su tutto il fronte della casacca. Il biscione raffigurato è azzurro con squame nere, un motivo che richiama quello visto sulla maglia di casa.

Il precedente biscione del 2010-2011

Non è la prima volta che un serpente si manifesta su una divisa away dell’Inter: la nuova casacca, infatti, sembra proprio ispirata alla divisa da trasferta del 2010-11, rimasta nel cuore dei tifosi nerazzurri anche per via di tutte le toppe presenti su di essa celebranti il Triplete.

Eto'o con la maglia away dell'Inter nel 2010-2011

Il biscione stampato su quella maglia era, tuttavia, differente da quello attuale, che invece sembra essere disegnato a mano e di cui non compare la testa per rispettare le regole UEFA. All’epoca, non a caso, l’Inter fu costretta a indossare una maglia senza la testa del serpente nelle partite di Champions League.

Quella fu la casacca che vide l’ultima apparizione non solo del Biscione, ma anche dello scudetto tricolore su una divisa dell’Inter. Entrambi sono ora casualmente ritornati a braccetto proprio sulla nuova seconda maglia. Dopo 11 stagioni, infatti, il tricolore torna al centro del petto anche della maglia away nerazzurra, attraverso una patch plastificata con il logo dell’Inter tono su tono.

Lo scudetto è affiancato a destra dal baffo della Nike e a sinistra dal nuovo stemma dei Campioni d’Italia, anche qui, come per la prima maglia, in versione monocromatica, stavolta di colore nero. Spicca, più in basso, il nuovo main sponsor Socios.com, svelato pochi giorni dopo il lancio della maglia home, con la scritta “$Inter Fan Token by socios.com”.

Altri dettagli sono la dicitura “Inter Milano” in blu all’interno del colletto e le strisce nere sui fianchi che si congiungono con quelle dei pantaloncini, i quali sono definiti anche da un bordo interiore blu in alto.

Sul retro, nomi e numeri sono blu con la trama che riprende le squame del serpente, mentre lo sponsor Lenovo è nero. Sia i pantaloncini che i calzettoni sono bianchi, quest’ultimi rifiniti dal risvolto nerazzurro come le maniche della maglia, con lo swoosh nero e la scritta “Inter” in blu.

La nuova maglia away è stata svelata con lo slogan “The new skin of an icon” attraverso un video che celebra il Biscione, icona che rappresenta l’Inter e la città di Milano in tutto il mondo.

Il Crystal Palace onora le origini del 1861 nella terza maglia 2021-2022

In attesa di scoprire la prima maglia per la stagione 2021-2022, il Crystal Palace ha lanciato la nuova terza maglia in edizione speciale che celebra le origini del club, risalenti a 160 anni fa.

La nuova terza maglia del Crystal Palace 2021-22

Dietro alla creazione di questa divisa c’è però una storia che merita di essere raccontata.

Tutto ha inizio nell’aprile 2020 quando la proprietà del club afferma, tra lo stupore generale, di essere il club di calcio più antico del mondo. Queste nuove rivelazioni si basano sulla ricerca condotta dallo storico Peter Manning, che poi si tramutano in un libro “Palace At The Palace: A History of the Crystal Palace and its Football Club”.

Lo storico ha dimostrato con documenti e foto d’epoca come la Crystal Palace Company, proprietaria della squadra locale di cricket abbia formato nel 1861 una squadra di calcio, inizialmente con l’unico scopo di mantenere in forma i giocatori della squadra di cricket nei mesi invernali.

Maglia Palace Cricket 1861

Nel 1863 alcuni membri del club parteciparono alla fondazione della Football Association e nel 1871 svolsero un ruolo importante nell’istituzione della FA Cup, la più antica competizione di coppa del calcio. La sezione calcistica smise di giocare per un breve periodo, probabilmente a causa dei danni che causava ai campi di cricket, attività principale della società.

Nel 1895 la Crystal Palace Company, per acquisire prestigio, costruì uno stadio destinato ad ospitare le finali di Coppa d’Inghilterra e rilanciare la squadra di calcio. Tutto ciò però non ebbe l’effetto sperato. È nel 1905 che venne costituita una nuova società per azioni per formare un club professionistico che giocasse nello stadio appena costruito. Questo spinse la Crystal Palace Company ad acquisirne le quote di maggioranza e a dare vita all’attuale Crystal Palace Football Club.

La nuova terza maglia si ispira per colori e design alla divisa della squadra di cricket, celeste e bianco. Questi però non furono i colori della squadra di calcio che infatti assunsero sin dall’inizio quelli attuali, rosso vermiglio e blu, ispirati probabilmente dalla presenza in società di Edmund Goodman, un ex dipendente dell’Aston Villa.

Crystal Palace 1851

Su entrambi lati della maglia è visibile la silhouette dell’originale Crystal Palace, la gigantesca struttura in ghisa e vetro (che era dipinta di celeste e bianco) che ha ospitato la prima grande esposizione universale del 1851.

La Premier League è da sempre riconosciuta come una competizione altamente competitiva e spesso questa competitività travalica il rettangolo verde di gioco. In questo caso l’oggetto è il glorioso primato dell’essere citato come il club più antico del mondo.

 

Terza maglia Crystal Palace 2021-2022

La maglia è per metà celeste e per metà bianca con loghi e rifiniture neri. Lo stemma bicolore in nero su sfondo bianco dona alla maglia un aspetto rétro. Le maniche rispettano il concept della divisa, bicolori con bordini neri. Sul retro della maglia compare la scritta CPFC 1861, a conferma delle intenzioni del club di voler sposare in toto lo storia del nuovo anno di fondazione.

Il giallo sulla maglia away del Chelsea 2021-2022, un classico senza tempo

Il Chelsea e Nike hanno presentato la nuova maglia away 2021-2022, che, come per i dettagli della prima divisa, vede ancora il giallo protagonista.

Dopo tre stagioni, infatti, la maglia da trasferta dei londinesi torna ad essere gialla, un colore che ha contrassegnato alcune delle più leggendarie stagioni del Maglie da calcio Chelsea sin dai primi anni ’60 (epoca a cui fa riferimento anche la nuova maglia home).

La maglia è rifinita da bordi neri sulle maniche, la stessa tonalità che colora parzialmente anche il colletto a girocollo.

Sia sul fronte che sul retro sono presenti delle pinstripes orizzontali ancora nere: tale grafica ricorda lo stile gessato dell’iconica maglia away indossata dal 1983 al 1985, rivisto in chiave moderna in rappresentanza del nuovo carattere giovanile che sta acquisendo il club nelle ultime stagioni.

All’interno della maglia, in corrispondenza del collo, è situato l’emblema circolare “Pride of London” (Orgoglio di Londra) di colore nero, che simboleggia i valori che da sempre contraddistinguono il club londinese.

Neri sono inoltre nomi e numeri, i loghi degli sponsor e lo stemma societario in versione monocromatica. Sulla manica sinistra è applicata una patch plastificata gialla con il logo della Hyundai sempre nero.

I pantaloncini sono interamente neri con loghi questa volta gialli; mentre i calzettoni sono gialli e presentano una striscia nera in alto, come anche le iniziali del club e il baffo, visibili più al centro.

La maglia è caratterizzata dal template Nike adottato per le terze divise dello scorso anno, di cui possiamo riconoscere il design delle maniche (in versione raglan), il particolare colletto, e, soprattutto, la trama tono su tono in stile Air Max che si estende su tutta la casacca.

Testimonial della nuova seconda maglia del Chelsea è il centrocampista Mason Mount, uno dei giovani più rappresentativi della nuova era del club campione d’Europa.

“Quando guardi al passato, il colore giallo delle divise ha avuto un grande impatto nella storia del Chelsea”, afferma la stella inglese cresciuta proprio nelle giovanili dei Blues“Da giocatori sento che possiamo ripeterci e creare momenti ancora più speciali con questa nuova divisa”.

Le luci della musica elettronica sulla maglia della Juventus away 2021-2022

La notte di Torino si accende con la presentazione della nuova maglia away della Juventus 2021-2022.

Adidas si è ispirata proprio al mondo notturno, alla scena musicale elettronica del capoluogo piemontese che ha coinvolto il pubblico di tutto il mondo. Nasce così una divisa nera con accenti cromatici integrati nel tessuto che rappresentano le luci sfavillanti di club e festival.

Le tre strisce Adidas che coprono le spalle sono iridescenti e sfumano dal rosa all’arancione, è la prima volta che il brand tedesco usa questa tecnologia sulle maglie da calcio, curiosamente nello stesso anno in cui Nike lo fa con il Barcellona.

La maglia da trasferta della Juve 2021-2022 ha un colletto a girocollo molto evidente, sul petto campeggiano lo stemma societario, il logo Adidas e lo sponsor Jeep 4xe. La “pioggia di colori” cade sulla parte frontale e sulle maniche, ma non sul retro dove troviamo nomi e numeri applicati in bianco.

Neri con strisce iridescenti sui lati sono i pantaloncini, mentre i calzettoni sono decorati dagli accenti cromatici della maglia.

In occasione del lancio ufficiale, Adidas e Juventus hanno realizzato un video in collaborazione con il C2C Festival di Torino, uno degli eventi musical avant-pop più importanti al mondo. Con il racconto di Carlo Pastore e Lil C e la colonna sonora di Koreless, il film presenta alcuni dei talenti musicali più entusiasmanti della scena mondiale come Romy (The XX), Gang Of Ducks, Koreless, Mana, Sara Berts e spime.im.

C’è la quinta stella sulla maglia del Bayern Monaco 2021-2022

Adidas ha presentato la nuova maglia del Bayern Monaco 2021-2022 che esordirà oggi in amichevole contro l’Ajax.

Il nuovo design prevede un rosso più scuro rispetto alla passata stagione, accompagnato da un motivo a V più chiaro che decora la maglia dal petto in giù. Le tre strisce Adidas scorrono lungo le spalle e sono colorate di bianco, la stessa tinta è usata per il sottile bordo delle maniche, gli sponsor e la stampa di nomi e numeri.

I più attenti avranno notato che lo stemma del Bayern è ora sormontato da cinque stelle dorate – a differenza della divisa away – un riconoscimento per il 30° titolo conquistato in Bundesliga. L’assegnazione delle stelle in Germania segue un regolamento diverso da quello italiano, è possibile fregiarsene conquistando 3, 5, 10, 20, 30 titoli.

Il motto del club, “Mia San Mia”, è applicato all’altezza del collo nella parte posteriore, quest’ultima è invece rosso chiaro con il dorso più scuro.

pantaloncini del completo casalingo sono rossi con le strisce Adidas bianche lungo i lati, rossi anche i calzettoni sui quali torna il motivo a V della casacca.

“La nostra nuova maglia è speciale in questa stagione, la quinta stella è un premio per i traguardi conquistati in passato, ma allo stesso tempo ci motiva a non mollare mai e a dare tutto per i nostri tifosi”, sono state le parole di Oliver Kahn, oggi CEO del Bayern Monaco.

Puma svela le maglie del Borussia Dortmund 2021-2022

È la volta dei maglie da calcio Borussia Dortmund che in occasione dell’ultima di campionato hanno scoperto le carte indossando quella che sarà la maglia di casa per la stagione 2021-2022, griffata Puma. Dopo la “fulminante” casacca dell’annata appena conclusa, per la maggiore era lecito aspettarsi una maglia ugualmente, se non ancor più stravagante mentre la scelta è ricaduta su un kit che torna nei confini della sobrietà.

Prima maglia Borussia Dortmund 2021-2022

La maglia è composta dal corpo di colore giallo, sia sul fronte che sul retro, dalle maniche a righe giallo-nere e dagli inserti neri presenti sulle spalle e sugli orli delle maniche. Il logo del club viene ricamato sul cuore, quello del brand tedesco dalla parte opposta, mentre al centro si trova lo sponsor 1&1. Nomi e numeri dei giocatori sono stampati in nero.

pantaloncini total black non presentano alcun dettaglio in contrasto mentre i calzettoni, di colore giallo, sono decorati da cinque righe nere, con una più staccata che lascia spazio all’acronimo BVB sugli stinchi ed il logo Puma sui polpacci. Saranno utilizzabili in alternativa anche i pantaloncini gialli abbinati ai calzettoni neri.

I più maliziosi penseranno ad un copia-incolla dai “cugini” dell’altro Borussia, e in effetti non vi sono dei sostanziali cambiamenti tra una maglia e l’altra, se non nella disposizione della trama a righe e ovviamente nei colori sociali. Si potrebbe pensare allora che in casa Puma abbiano smarrito la creatività o che dopo l’azzardo della passata stagione abbiano optato per una soluzione più moderata, insomma anche quest’anno la maglia dei gialloneri farà discutere.

Seconda maglia Borussia Dortmund 2021-2022

Per le trasferte Puma ha ideato una maglia con uno speciale pattern a righe oblique nere e grigio acciaio, dall’effetto se vogliamo ipnotizzante. I primi a indossare il nuovo kit away sono stati a sorpresa i bambini della Nordstadtliga (qui il video), un programma sociale che sostiene i ragazzi di diversa estrazione etnica, religiosa e culturale e li integra nelle strutture sociali attraverso lo sport.

Il completo away è abbinato a pantaloncini e calzettoni neri.

NIKE, LE MAGLIE DEL LIVERPOOL 2021-2022

Non tutti sanno che, fino a metà degli anni Sessanta, il Liverpool indossava le classiche maglie rosse abbinandole a pantaloncini bianchi o calzettoni a hoops biancorossi. Nel 1964, il leggendario manager Bill Shankly decise di passare a un kit completamente rosso, con l’intento di risultare quasi “intimidatorio” nei confronti degli avversari.

Le nuove maglie Liverpool 2021-2022 richiamano questo concetto, almeno nelle intenzioni di Nike.

Maglie Liverpool 2021-2022: come un fuoco che brucia

Per rappresentare in chiave moderna quel “bagliore” teorizzato da Shankly, Nike che ha aggiunto al classico sfondo Red dettagli color cremisi brillante (quasi pesca fluo diremmo dalle foto) su girocollo e bordi manica, oltre che su delle sottili pinstripes diagonali “a fulmine” lungo tutto il corpo della maglia.

Sulla parte posteriore del colletto, una sottile banda orizzontale verde teal e bianca riprende i colori già abbinati al rosso sul kit 2020-21. Poco sotto, compare l’ormai tradizionale ricamo dedicato alle 96 vittime di Hillsborough.

I dettagli del kit home 2021/22

Ecco le nuove maglie Liverpool 2021-2022

Le maniche sono a giro, Swoosh e crest (il tradizionale Liverbird che sormonta il monogramma LFC) sono color bianco sporco (o Fossil secondo la dicitura del brand).

Il kit è completato da pantaloncini rossi e calzettoni rossi con banda cremisi sulla parte superiore.

A quanto si vede nei promo ufficiali, sarà disponibile sia con la personalizzazione LFC (o “di coppa”) che ovviamente con quella della Premier League.

Maglie Liverpool 2021/22: materiali e sostenibilità

Le nuove maglie Liverpool 2021-2022 sono realizzate almeno al 75% da poliestere riciclato

A livello tecnico, le maglie Liverpool 2021-2022 sono realizzate nella versione più recente del Dri-Fit, il Nike Dri-Fit ADV, leggero e ad asciugatura rapida.

Grande enfasi è stata posta da Nike sulla sostenibilità: le maglie sono realizzate (almeno al 75%, spiegano) da poliestere riciclato, derivato a sua volte da bottiglie 100% riciclate.

Le bottiglie vengono trasformate in pellet e, poi, in nuovi filati, che diminuiscono gli sprechi e abbassano del 30% le emissioni di carbonio rispetto al poliestere vergine.